“Siamo un passo più vicini a trovare una Terra 2.0”. La Nasa ha presentato ufficialmente il più probabile “gemello” della Terra: si tratta di un esopianeta battezzato “Kepler 452b”, in orbita a una stella simile al nostro Sole, sebbene più vecchia di circa 1,5 miliardi di anni, e situata a una distanza di 1400 anni luce.

Il pianeta, rilevato dal telescopio spaziale “Keplero”, si trova nella fascia “abitabile” del suo sistema solare, ma dovrebbe trovarsi in una fase climatica di alte temperature, dato che il suo Sole irradia una forte energia.