INGV: Il terremoto del 2012 in Emilia era stato previsto da due ricercatori cinesi

INGV ha pubblicato un articolo riguardante il terremoto del 20 maggio 2012 in Emilia-Romagna: poteva essere previsto guardando le formazioni nuvolose? Interessante articolo che vi consigliamo di leggere, dove si menziona ad una pubblicazione del 2013 sulla rivista Natural Hazards and Earth System Sciences: due ricercatori cinesi affermarono di aver predetto il terremoto avvenuto il 20 maggio 2012 nella valle del Po.

Secondo i due ricercatori, la previsione era stata eseguita osservando le immagini inviate dal satellite, mostrando la formazione di nubi lineari lungo il versante orientale degli Appennini. Formazioni nuvolose lineari e stazionarie, sarebbero state indicate come precursori del terremoto del 20 maggio 2012, si sono formate lungo gli Appennini nei giorni 22 e 23 aprile 2012. Questa osservazione aveva portato i due ricercatori a formulare una previsione di un terremoto di magnitudo 6 che si sarebbe verificato da qualche parte in Italia entro un mese e circa un mese dopo, il 20 maggio 2012, un terremoto di magnitudo

6 si verificò nella valle del Po.

Leggi l’articolo “Il terremoto del 2012 in Emilia poteva essere previsto guardando le formazioni nuvolose?” su INGV Terremoti.

L’articolo conclude affermando che la previsione di Guangmeng e Jie, pur avendo avuto la sua conferma, non ha nessuna base scientifica per essere considerata un successo. INGV evidenzia come vi siano forti indizzi che ne smentiscono la validita’, e sentenziando che si tratta di una casualita’ che il terremoto del 20 maggio 2012 nella valle del Po sia stato preceduto un mese prima dalla formazione di nubi lineari. Per INGV Terremoti, i due ricercatori Guangmeng e Jie “hanno voluto riscontrare un inesistente legame tra due fenomeni geofisici differenti“.