Ford ha annunciato a Goodwood, al celebre Festival of Speed, la potenza ufficiale della nuova Focus RS. La versione più estrema della ‘hatchback’ dell’Ovale Blu, spinta dal motore EcoBoost 2.3, scaricherà sull’asfalto ben 350 cavalli.

Goodwood sarà anche il palcoscenico del debutto dinamico della Focus RS, che sarà guidata dal pilota acrobatico Ken Block in un’esibizione emozionante e adrenalinica. Il re della gymkhana guiderà infatti un modello di pre-produzione della nuova Focus RS nella leggendaria cronoscalata che ogni anno attira gli sguardi affascinati degli appassionati di tutto il mondo.

“Abbiamo assicurato agli appassionati che la nuova Focus RS sarebbe stata un’auto senza compromessi, e con 350 cavalli sotto al cofano, abbiamo mantenuto la promessa”, ha dichiarato Dave Pericak, direttore del gruppo Ford Performance. “E non c’è luogo migliore del Festival of Speed di Goodwood, dove gli appassionati possono scoprire il futuro e ammirare il passato, per mostrarne per la prima volta la potenza”.

A bordo della nuova Focus RS debutta la nuova trazione integrale sportiva Ford Performance con Dynamic Torque Vectoring, un’innovativa tecnologia che permette di massimizzare la precisione e il piacere di guida. Il sistema calibra l’erogazione della potenza individualmente per ogni singola ruota e consente di ottenere una straordinaria aderenza all’asfalto e la più elevata velocità in uscita curva.

Motore EcoBoost 2.3 ad alta potenza

La nuova Focus RS è dotata di un motore EcoBoost 2.3 a 4 cilindri, già disponibile a bordo della nuova Mustang, calibrato per erogare livelli superiori di potenza e coppia e garantire alla trazione integrale un’accelerazione pressoché istantanea. Gli ingegneri Ford hanno incrementato la potenza del motore di circa il 10%, portandola a 350 cavalli. La coppia massima è di 440 Nm, erogata tra i 2.000 e i 4.500 giri, e può raggiungere, per 15 secondi, 470 Nm grazie all’overboost in accelerazione.

L’incremento di potenza è stato ottenuto attraverso l’implementazione di un turbo ‘twin-scroll’ a bassa inerzia di maggiori dimensioni, per un incremento della portata d’aria, e di un intercooler maggiorato, per ridurre la temperatura e aumentare la densità dell’aria.

La gestione dei flussi è stata migliorata grazie a un design interno senza strozzature e a uno scarico con valvola parzializzante, che equilibra la contropressione dei gas di scarico e controlla i

livelli di rumore.

La testata è realizzata in una lega capace di sopportare stress termici elevati, ed è dotata di una guarnizione a elevata resistenza e adatta anche a temperature fuori dall’ordinario. Il blocco del motore è in alluminio, con canne dei cilindri in lega di ghisa ad alta resistenza.

La meticolosa calibrazione del motore ha fatto in modo che l’EcoBoost 2.3 sia in grado di garantire una risposta brillante anche ai bassi regimi e di spingere senza esitazione fino al limitatore, impostato a 6.800 giri. Il sound è emozionante e avvolgente, e si distingue per il carattere sportivo e la voce cupa ed echeggiante che caratterizza la tradizione RS.

“Questo speciale EcoBoost 2.3 farà sentire l’adrenalina trasmettendo l’impeto del turbo e caricando di soddisfazione la spinta fino alla linea rossa del contagiri, accompagnata da un sound che renderà l’esperienza a bordo ancora più esaltante”, ha aggiunto Pericak. La Focus RS affiancherà la Focus ST nella gamma di vetture Ford ad alte prestazioni, che entro il 2020 conterà 12 nuovi modelli globali, tra cui la nuova supercar Ford GT.

La nuova Focus RS, sviluppata in Europa e USA dagli ingegneri del nuovo team Ford Performance, segue le 2 precedenti generazioni di Focus RS lanciate nel 2002 e nel 2009.

Sarà la 30esima auto a portare sulla scocca il leggendario badge RS, che in passato ha caratterizzato modelli iconici e innovativi come la Escort RS 1600 del 1970, con il suo motore 16 valvole, la Sierra RS Cosworth del 1985, con il suo approccio radicale all’aerodinamica, o la Escort RS Cosworth del 1992, con la sua inedita trazione integrale.