Sciopero benzinai dalla mezzanotte per 48 ore

Dalla mezzanotte di oggi e per le prossime 48 ore, iniziera’ il temuto sciopero nazionale dei benzinai già proclamato dalle organizzazioni di categoria dei gestori delle aree di servizio autostradali, Faib Confesercenti, Fegica Cisl ed Anisa Confcommercio.

L’iniziativa, che fa seguito a quella già effettuata il 4 e 5 marzo scorso, viene attuata a sostegno della vertenza aperta dalla categoria “contro i pri vilegi e le rendite di posizione assicurate ai concessionari autostradali (pedaggi e royalty) e per ottenere l’abbattimento dei prezzi dei carburanti e la tutela del servizio pubblico“.

Lo sciopero è di quelli che possono mettere in ginocchio la circolazione su strade e autostrade.

Le tre sigle hanno infatti proclamato un’agitazione molto articolata con la chiusura di tutti gli impianti self service, con relativo oscuramento dei prezzi “scontati” ad essi collegati e dell’insegna della compagnia.

Con un comunicato stampa la Federazione Autonoma Italiani Benzinai ha fatto sapere che “con il medesimo obiettivo, questa mattina i legali di Faib, Fegica e Anisa hanno depositato presso il TAR del Lazio il ricorso teso ad impugnare l’Atto di indirizzo firmato il 29 gennaio di quest’anno dai Ministri Lupi e Guidi. Domani 31 marzo, alle ore 17.30, nel pieno del primo dei due giorni di sciopero previsti, le Orga nizzazioni di categoria risponderanno alla convocazione del Ministero dello sviluppo economico giunta alla fine della scorsa settimana”.