NAVE COSTA CONCORDIA – Sei naufraghi e superstiti americani, passeggeri della nave da crocera Costa Concordia, naufragata a pochi metri dalla costa dell’Isola del Giglio, una volta rientrati nel loro paese, gli Stati Uniti d’America, hanno presentato a Miami, una denuncia contro la Carnival e la Costa Crociere. A fronte di questa denuncia chiedono a queste due societa’ un risarcimento danni pari a 460 milioni di dollari, poco meno di 350 milioni di euro.

L’avvocato di questi passeggeri americani sopravvissuti alla sciagura della nave Concordia, ha dichiarato che l’azione legale e’ basata sulla negligenza del marittimo che avrebbe causato l’incidente dello scorso 13 gennaio.

Ricordiamo che in Italia, invece, e’ stato raggiunto un accordo tra la compagnia e alcune associazioni nazionali dei consumatori, per un rimborso di soli 14 mila euro a persona, un importo forfettario ben lontano da quello richiesto a Miami dai sei passeggeri naufraghi della Concordia.