A partire dal 20 gennaio gli immigrati dovranno fare i conti con una vera e propria stangata che incombe nelle loro tasche. La nuova tassa prevista come decreto emesso dal Ministero dell’Economia, prevedera’ da un minimo di 80 euro fino ad un massimo di 200 euro per richiedere o rinnovare il permesso di soggiorno per stare in Italia.

Ma attenzione per i piu’ maligni di voi. Il decreto non e’ dell’attuale governo di Mario Monti, quindi non centrano nulla le contromisure varate dall’attuale governo tecnico per fronteggiare la crisi economica. Questo nuovo balzello era previsto in uno dei tanti pacchetti sicurezza del governo di Silvio Berlusconi e che non era ancora entrato in vigore. A sboccarlo ci ha pensato il decreto che e’ stato firmato lo scorso 6 ottobre dai leghisti Tremonti e Maroni.