Tomas Milian è morto, ha raggiunto Bombolo in cielo (video intervista)

L’attore Tomas Milian, il suo vero nome era Tomás Quintin Rodriguez, è morto ieri a Miami a causa di un ictus all’età di 84 anni. Era di origini cubane, nascendo il 3 marzo del 1933 nel piccolo villaggio cubano di Marianao, non lontano dall’Avana.

Era noto soprattutto come protagonista di film polizieschi all’italiana a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta. In molti ce lo ricordiamo infatti come Nico Giraldi (il maresciallo romano creato dallo sceneggiatore Mario Amendola e dal regista Bruno Corbucci e interpretato da Tomás Milián in undici film tra il 1976 e il 1984), e il ladruncolo Er Monnezza.

Nella vita privata si è sposato nel 1964 con Margherita (Rita) Valetti, dalla quale ha avuto un figlio (Tomaso Milian Jr) e di cui è rimasto vedovo nel 2012.

Spesso ha fatto coppia con un altro grande del cinema italiano, Bombolo, pseudonimo di Franco Lechner (Roma, 22 maggio 1931 – Roma, 21 agosto 1987), del quale racconta il suo primo incontro in una video intervista che potete vedere a fondo articolo.

Ecco di seguito un’altra interessante e vera intervista a Tomas Milian, dopo il ricevimento del Marc’Aurelio alla carriera al Festival del cinema di Roma 2014. L’amore per la città, la simbiosi col “Monnezza”, i ricordi di Bombolo, della moglie e del padre, il fido bastone e i film meno riusciti come “Cane e Gatto”. Fino al desiderio di girare un ultimo film nella città che lo ha amato e eletto star del firmamento cinematografico capitolino. In questo video viene intervistato da Daniele Carioti per il canale youtube “the 80s database”.