Data prevista: il 25 giugno, motivazione il sostegno ai terremotati delle zone dell’Emilia colpite dai sismi. L’iniziativa di un concerto di solidaretà parte dal gruppo musicale dei Nomadi si prefigge di coinvolgere gli artisti della musica italiana che sono originari proprio delle zone terremotate.

I Nomadi si stanno dando da fare per reclutare i cantanti, i musicisti e i gruppi che prenderanno parte al concerto: da Vasco Rossi a Ligabue, da Laura Pausini a Gianni Morandi, ai Modena City Ramblers, a Nek e ai Rio.

La sede in cui si svolgerà la manifestazione musicale, il Live Aid delle pop star emiliane a sostegno delle vittime del terremoto, per ora, è stata prevista a Bologna.

Ricordiamo che proprio Laura Pausini ha annunciato di voler devolvere gli incassi di suoi tre concerti nell’ambito dell’Inedito World Tour a favore delle vittime del terremoto. Ligabue ha annunciato di essere pronto a collaborare per aiutare, l’idea dei Nomadi potrebbe fornire un’occasione.

Inoltre gli stessi cantanti emiliani e non solo, potrebbero intervenire il 19 luglio nel pre-concerto di Anastacia del 19 luglio: l’artista americana, di rilievo internazionale, ha deciso anche lei di

portare il suo messaggio di solidarietà ai terremotati mettendo a disposizione il suo palco per la raccolta di fondi a favore delle zone colpite del terremoto e la sua immagine per la realizzazione di magliette destinate allo stesso scopo.

Biagio Antonacci, dal canto suo ha già invitato i colleghi del mondo musicale italiano a devolvere gli incassi del primo concerto a venire a favore dell’Emilia terremotata. Lui ha dato il buon esempio con gli introiti del concerto del 29 maggio.

Intanto, il gruppo musicale dei Nomadi ha reso nota la sospensione del concerto in programma per l’8 giugno a Reggio Emilia. La data, ancora in sospeso, sarà comunicata al più presto sul loro sito ufficiale.