Terremoti in Italia centrale: aggiornamento sequenza sismica di INGV

INGV fa sapere che la sequenza sismica iniziata ad agosto del 2016 continua ad essere attiva anche in questi primi mesi del 2017. Numerosi eventi infatti vengono registrati ogni giorno dalla Rete Sismica Nazionale di INGV Terremoti nella vasta area interessata. Subito dopo gli eventi del 18 gennaio la sismicità si è concentrata soprattutto nella parte sud della sequenza in provincia dell’Aquila, ma anche nelle aree più a nord, tra le province di Perugia e Macerata.

Proprio nella parte nord-ovest della sequenza nella serata di del 27 aprile 2017 sono avvenuti due eventi di magnitudo Mw 4,0 a distanza di 3 minuti.

Alle ore 23:16 e alle 23:19 italiane. L’epicentro dei due terremoti è stato localizzato tra le province di Macerata e Perugia a pochi chilometri da Visso (MC).

Alle ore 15 di ieri 28 aprile il numero di eventi della sequenza sismica in Italia centrale ha superato i 65500 dal 24 agosto 2016. Negli ultimi giorni in media vengono localizzati tra i 100 e 150 eventi giornalieri, pochi di questi hanno magnitudo uguale o maggiore di 2.

Dal 18 gennaio, quando si sono verificati gli ultimi eventi di magnitudo uguale o maggiore di 5.0, sono stati in totale 4 gli eventi di magnitudo uguale o maggiore di 4.0 compresi i due eventi di ieri sera. Gli altri due (magnitudo Mw 4,2 e 4,0) avvenuti anche essi in uno stesso giorno, il 3 febbraio, sono stati localizzati in provincia di Macerata, non lontano da Visso e dagli eventi del 27 aprile. Fonte INGV.