Finale Juventus-Real Madrid: cosa ne pensano Dybala e Barzagli

Nella Finale di Champions League del 3 giugno contro il Real Madrid la Juventus partirà alla pari. È quello che pensa Paulo Dybala, fantasista della Juventus. “Partiamo alla pari. Non dovremo confrontarci con un solo grande campione, ma con una squadra. Daremo il meglio, e se loro sono forti noi abbiamo una grande difesa: finora ognuno di noi ha fatto il massimo per aiutare la squadra, e ora ci manca solo un obiettivo”.

Paulo Dybala avverte il Real Madrid. A Cardiff la Juve se la giochera’ a testa alta e per la vittoria della Champions e’ un 50 e 50. “Siamo tranquilli, abbiamo grande voglia, mancano ancora 10 giorni ma abbiamo gia’ cominciato a lavorare molto bene. Dobbiamo avvicinarci senza nervosismo, dobbiamo impostarla come abbiamo giocato le altre partite di Champions finora. Tutti sanno che partiamo alla pari, non solo noi. E tutti noi siamo legatissimi al progetto Juventus e a questo gruppo”. E lo confermano i numerosi rinnovi di contratto, dal suo a quello, fresco di giornata, di Mandzukic: “Questo accade perche’ ci crediamo fino in fondo”.

Alla finale di Berlino Dybala non era presente in campo ma era sugli spalti. “Fui invitato, andai volentieri e a fine partita Claudio Marchisio mi disse che avremmo dovuto presto giocarne un’altra insieme. Gli risposi che ero alla Juve per quel motivo”. Ma prima di Cardiff c’e’ l’ultima di campionato. “Andiamo a Bologna per vincere, anche se non conta piu’ per la classifica – spiega la Joya – Una buona partita sabato ci dara’ una ulteriore carica per Cardiff.

Poi, ovviamente, da domenica avremo testa e gambe solo per la finale”.

A Cardiff sara’ una Juventus diversa da quella di Berlino. Non solo negli uomini ma, soprattutto, nella testa. Rispetto ad allora “siamo cresciuti tutti – assicura a Sky Andrea Barzagli – C’e’ un pizzico in piu’ di consapevolezza e ce la giocheremo, poi e’ normale che e’ una gara secca e puo’ succedere di tutto”. Ma la Juve a questa finale ci pensava da tempo. “E’ una cosa che nasce dall’esperienza e dal cammino di questa squadra – sottolinea ancora il difensore bianconero – Fra di noi parlavamo del fatto che la Juve deve superare ogni anno la fase a gironi e poi provare ad arrivare il piu’ lontano possibile, in questo modo, prima o poi, saremo arrivati a giocarci un’altra finale. Ed e’ successo subito in questa stagione, a due anni da Berlino”.

La marcia di avvicinamento a Cardiff “la stiamo vivendo serenamente, abbiamo ripreso gli allenamenti dopo due giorni liberi e ci siamo messi con la testa sul campo per lavorare e fare le cose per bene – garantisce Barzagli – Mancano ancora nove giorni e c’e’ ancora una partita di campionato che e’ fondamentale giocare bene. Non dobbiamo stravolgere il mondo, sappiamo cosa dobbiamo affrontare e che dobbiamo farlo nel miglior modo possibile”.