PAOLO BRUNO VESPA NATO NEL 1944 – E per qualche ora dato per morto da Wikipedia, in data 29 gennaio 2013. Ma a mezzanotte dello stesso giorno, la smentita dallo stesso Vespa. Per l’occasione anzi, Bruno Vespa ha aperto un account Twitter, come mezzo per giungere rapidamente a più interlocutori possibili. Ecco il primo tweet di Bruno Vespa sul social network: “Festeggio oggi su Twitter la mia sopravvivenza in barba a Wikipedia che mi volle defunto ieri a Milano”.

Una nota curiosa, l’account Twitter ufficiale è @VespaBruno, in quanto @brunovespa era già usato da altro utente.

Lo scherzo della falsa notizia della morte di Bruno Vespa non è stato preso alla leggera dal giornalista, conduttore televisivo e scrittore italiano, creatore del programma TV di successo “Porta a Porta”, che ha allertato la Polizia Postale per un’indagine: “Questo segnale di morte così preciso era uno scherzo o un avvertimento?”.

Comunque, Vespa morto su Wikipedia è risorto su Twitter, potenza del web.